mercoledì 27 marzo 2013

Green Music # 1




Oggi c'è una novità per voi, cari followers, perchè inauguro questa nuova rubrica in collaborazione con Mirial del blog Sogni di una notte di Luna piena, mia cara amica e gemella di blog con cui avevo già collaborato in passato, ricordate?
L'idea è nata unendo le nostre passioni comuni, come l'amore per la musica e per la natura. Abbiamo scelto di aprire questa nuova rubrica, chiamata Green Music, perchè riteniamo che la musica abbia un grande potere comunicativo, e possa trasmettere all'ascoltatore oltre che emozioni anche messaggi importanti.
In questo spazio vi proporremo canzoni che si sono distinte per il proprio impegno nella difesa dell'ambiente, ma anche canzoni che parlino del rapporto uomo-natura in generale. La rubrica non avrà cadenza fissa, ma occasionale. 
Vogliamo cominciare?

Per la prima puntata abbiamo pensato di suggerirvi una canzone che senz'altro conoscerete già, ma intendiamo rinfrescarvi la memoria... Ecco "Il ragazzo della via Gluck" di Adriano Celentano:




 Pensiero di Enrico:
Sebbene sia stata scritta circa 50 anni fa, questa canzone ha dimostrato una lungimiranza incredibile; già allora Celentano è stato in grado di portare sotto l'occhio di tutti il lato negativo del boom edilizio di quegli anni.
Se è vero che l'industria del cemento è stata per anni il motore trainante della nostra economia, è anche vero che ha portato alla distruzione dell'ambiente rurale e di grandi aree verdi, come ci narra anche il cantante in questo brano.
Questa canzone è di forte attualità ancora ai nostri giorni; il nostro è un paese martoriato da mostri ecologici e costruzioni abusive, che cancellano parchi naturali e deturpano irrimediabilmente il paesaggio. Ci siamo ridotti a vivere in un mondo grigio, dove non lasciamo spazio alla natura e dove le poche zone verdi delle nostre città sono trascurate e spesso inquinate.
Celentano ci racconta di un mondo lontano, di un ambiente rurale ormai lontano dalla nostra vita, ma al quale siamo debitori anche ai giorni nostri. E’ la natura che ci dà il cibo e le materie prime indispensabili per la nostra vita, e la stiamo sfruttando oltre misura. Occorrerebbe un ripensamento generale sul concetto di sviluppo urbano, oltre che una diminuzione di consumo di suolo.
Avremmo dovuto dare più importanza alle parole della canzone, quando essa ebbe successo...

Pensiero di Mirial:

Questa canzone ha per me un valore affettivo in un certo senso, perchè mi era stata insegnata alle elementari dalla maestra di musica. Ero bambina è vero, ma non ho mai dimenticato il messaggio di questa canzone, che già allora ritenevo importante e che quasi mi commuoveva (sono sempre stata molto sensibile, fin da bambina, ai problemi della Terra). 
Concordo in pieno con Enrico: è una canzone che si dimostra sempre attuale e che sa ancora toccare le corde giuste, in un momento come questo in cui la Natura non è più rispettata, ma deturpata, in cui non si fa altro che costruire, spesso abusivamente, senza curarsi del respiro affannato della terra su cui poggiamo i piedi ogni giorno. 
I luoghi in cui viviamo cambiano in brevissimo tempo e quasi non abbiamo tempo di accorgercene, di metabolizzare questo cambiamento che spesso e volentieri ha un impatto ambientale notevole. Un esempio? Nella mia città esiste una zona, in periferia, che potrebbe considerarsi più "verde" rispetto al centro della città. Credevo fosse sempre stata così quella zona, in cui tra l'altro sono nata e cresciuta. Eppure solo un mese fa questa cosa mi è stata smentita dai miei nonni e dai miei genitori, che mi hanno raccontato di come, in quella zona, prima che io nascessi esisteva solo la natura: niente palazzi, niente bungalow, niente hotel nè passeggiata mare nè spiagge curate. Seppure quella zona sia rimasta più a contatto con la natura di tante altre della mia città, mi ha sconcertato immaginare come dovesse apparire un tempo quella zona in cui i miei genitori giocavano a palla da giovani e come i loro ricordi siano stati spazzati via dalle ruspe per far spazio a palazzi e cemento.

Per concludere, vi lascio il testo della canzone: 

Questa è la storia
di uno di noi,
anche lui nato per caso in via Gluck
in una casa, fuori città,
gente tranquilla, che lavorava.
Là dove c'era l'erba ora c'è una città
e quella casa in mezzo al verde ormai
dove sarà?

Questo ragazzo della via Gluck
si divertiva a giocare con me,
ma un giorno disse
vado in città
e lo diceva mentre piangeva
io gli domando
"amico, non sei contento?
Vai finalmente a stare in città
la troverai le cose che non hai avuto qui
potrai lavarti in casa senza andar 
giù nel cortile!

Mio caro amico -disse- 
qui sono nato
in questa strada ora lascio il mio cuore.
Ma come fai a non capire,
è una fortuna per voi che restate
a piedi nudi a giocare nei prati
mentre la in centro respiro il cemento.
Ma verrà un giorno che ritornerò ancora qui
e sentirò l'amico treno che fischia così
"wa!wa!"

Passano gli anni,
ma otto sono lunghi
però quel ragazzo ne ha fatta di strada
ma non si scorda la sua prima casa
ora coi soldi lui può comperarla
torna e non trova gli amici che aveva
solo case su case,
catrame e cemento!

La dove c'era l'erba ora c'è una città!
e quella casa in mezzo al verde ormai dove sarà?

ehi ehi 
lalalala

Eh no, non so perchè,
continuano a costruire le case
e non lasciano l'erba
non lasciano l'erba
non lasciano l'erba

Eh no se andiamo avanti così
chissà come si farà! chissà....


Se vi va, lasciate qui sotto le vostre impressioni, emozioni e i vostri  pensieri per condividerli con noi =)



30 commenti:

  1. Davvero un mondo lontano, ma sicuramente più felice e gioioso...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, meno comodità ma anche più semplicità e più vita!
      Grazie del commento, a presto =)

      Elimina
    2. Passo per augurarti una Buona Pasqua, sperando che porti un pò di pace in questo mondo...Abbraccio

      Elimina
    3. Ricambio gli auguri e condivido la tua speranza :)

      Elimina
  2. Però c'è anche la risposta ai ragazzi della via Gluck di Giorgio Gaber!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh quella è una chicca!
      http://www.youtube.com/watch?v=sk8pIH6jnJU

      Grazie per essere passato di qua!

      Elimina
  3. Apprezzo molto questa ricerca di canzoni ecologiche. Il ragazzo della via Gluck è un cult per me: è stata una delle colonne sonore della mia infanzia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, quella è un must!
      E' solo l'inizio, presto ne proporremo altre :)
      Un saluto, a presto :)

      Elimina
  4. Before all, I want to thank Enrico for visiting my block and so kind words!
    Very interesting your blog!
    Read several posts and found that, the same problems we also have in Greece.
    Unfortunately ....
    I love Italy and its people!
    I wish you Happy Easter and good strength in your wonderful work!
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I can imagine, all our world is subject to our pollution.
      In every case, i think that is extremely important to help our earth making our part, being different!
      Thanks a lot for your great comment :)

      I wish you Happy Easter
      γειά σου

      Elimina
  5. Bellissima canzone che parla dell'inquinamento e del cemento che purtroppo sta distruggendo il nostro mondo!
    Mi ritengo molto fortunata a vivere dove c'è il verde e l'aria fresca e pura!
    Auguro Buona Pasqua e buona serata da Beatris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' proprio vero, è una fortuna vivere lontano dallo smog!
      Io vivo in centro, ma in un paese piccolo, dove ho sia il mare che i monti.
      Sempre meglio qui che in qualche grande metropoli!

      I migliori auguri di buona Pasqua anche a te :)

      Elimina
  6. Ciao Enrico, che bella questa iniziativa: avete scelto una canzone azzeccatissima per cominciare!
    Scusaci se commentiamo solo oggi, ma abbiamo avuto un pò di cose da sistemare e ora che tutto è a posto siamo tornate in rete.
    Un abbraccio,
    Idgie e Ruth

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquille, anzi, grazie di essere passate a trovarmi :)
      Sono contento che vi sia piaciuta la nuova rubrica, presto ci saranno nuovi brani :)
      Grazie del commento, a un abbraccio :)

      Elimina
  7. Ciao Enrico mi piace questa novità che hai introdotto nel tuo blog e mi piacerebbe poterla seguire quindi ti chiedo un favore, essendo sordomuto o meglio ancora diversamente parlante e udente potresti aggiungere i testi delle canzoni in modo che possa leggerli?
    Grazie e Buona Pasqua!
    Xavier

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Xavier!
      Certamente, ti chiedo scusa poichè non lo sapevo, provvederò subito anche nella correzione di questo post.
      Grazie di avermelo detto, ti auguro buona Pasqua :)
      Un abbraccio, a presto :)

      Elimina
  8. Ho sentito questa canzone cantata da Celentano quando ero giovane, mi suscita ancora tante emozioni.
    Trovo che tu e la tua amica abbiate realizzato una bella iniziativa,
    un abbraccio
    Beatrice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io a quei tempi non ero ancora nato, ma in ogni caso sono contento di averla conosciuta e trovo possa trasmettere un bel messaggio anche ai nostri giorni ;)
      Ti ringrazio di cuore per le belle parole,
      Buona Pasqua!

      Elimina
  9. Ciao Enrico,
    ti auguro una serena e gioiosa Pasqua.
    Auguri!

    Ciao
    Luci@

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Luci@, auguri anche a te :)

      Elimina
  10. Risposte
    1. Tanti auguri di buona Pasqua anche a te :)

      Elimina
  11. Risposte
    1. Ti ringraziamo, siamo contenti che ti sia piaciuta :)

      Elimina
  12. Che bella l'idea di questa rubrica! Approvo la scelta di partire da questa canzone che contiene, oltre al tema ecologista, anche i temi della protesta giovanile (il '68) che sarebbe sfociata dopo qualche anno, ma che all'epoca cominciavano a echeggiare.
    Buona pasquetta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo pienamente ;) erano altri tempi, e a volte rimpiango di non averli vissuti ma di studiarli sui libri di scuola.
      Grazie di esser passata, spero che tu abbia passato bene le feste :)

      Elimina
  13. Cari Amici,cinquanta anni fa si abbattevano catapecchie e edifici instabili lesionati dai bombardamenti per dare una casa, almeno decente, a tutti.
    Oggi si distrugge il nostro verde patrimonio solamente per mero e vergognoso profitto.
    Non credo che Celentano, che non attira la mia simpatia ne come cantante e ancora meno come vate del "Mi so tutto" sia stato profetico,allora, era giusto e urgente abbattere, costruire e ricostruire (Purtroppo si è progettato male e costruito peggio,ma questa è una altra storia) anche a costo di sacrificare qualche sassoso campetto di periferia
    Complimenti per l'iniziativa e a presto.
    Ciao,fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Indubbiamente, ma, oggi come allora, andava fatto con un po' di logica.
      Avere una casa è un diritto, è vero, ma dobbiamo anche fare i conti col mondo in cui viviamo.
      Io trovo che la canzone sia di forte attualità e per questo motivo abbiamo scelto di condividerla come primo brano della rubrica.
      Grazie per essere passato, è sempre bello confrontarsi :)

      Elimina
  14. Caro Enrico,oggi e di forte attualità (cone ho scritto sopra) ma non allora,al tempo era solamente una canzone ruffiana.
    Ciao,fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io allora non c'ero, e posso rivederla alla luce del giorno d'oggi, e posso provare a interpretare la storia, ma senza averla vissuta.
      In ogni caso, indubbiamente Celentano non è un personaggio ne dalla grande cultura ne uno che ha sempre ragione, anzi...In ogni caso reputo questo brano molto importante
      Grazie del commento, a presto :)

      Elimina

Mostra di essere passato di qua!
Se hai apprezzato, condividi il tuo pensiero = )
Se non hai apprezzato, non essere timido ed esponi le tue ragioni = )